logo Volontè & Co.

Volontè & Co. nasce nel 2008 per iniziativa di Marco Volontè che, dopo aver lavorato per anni nel settore della discografia ed editoria musicale, in Emi, Warner Chappell, Cgd e dopo esser stato a lungo alla guida di Carisch, decide di intraprendere una nuova avventura professionale fondando una società editoriale indipendente. Volontè & Co. pubblica in Italia, Francia e Spagna e vende i propri prodotti editoriali (spartiti, manuali di didattica, tecniche musicali e raccolte di repertorio) in 15 paesi nel mondo. Collabora con le migliori scuole di musica italiane e internazionali quali Musicians Institute, Berklee College of Music, National Guitar Workshop, RGA e MMI.

In un mercato caratterizzato da una forte concentrazione, Volontè & Co. si propone come l’alternativa, indipendente e fortemente orientata a scelte selettive di alta qualità, per dare spazio e opportunità a nuovi autori e talenti del panorama musicale italiano e internazionale. La filosofia dell’azienda è quella di voler soddisfare le reali esigenze dei musicisti, senza creare e alimentare falsi bisogni.

Volontè & Co. lavora molto sulla traduzione di libri già universalmente riconosciuti come i più prestigiosi della didattica musicale. Per citarne alcuni, la linea jazz theory tradotta da Roberto Spadoni (Jazz Master CookBook, Jazz Arranging and Composing, Jazz Composition, Arranging for Large Jazz Ensemble e Modern Jazz Voicings), i vari volumi Aebersold (Vol. 1, Vol. 2, Vol. 3, Vol. 16, Vol. 24…) tradotti da Alessandro Rubino; e ancora, scelte mirate per ogni singolo strumento, con la creazione ad oggi di un significativo e selezionatissimo catalogo in particolare per batteria (con la traduzione dei più importanti testi di Gene Krupa, Jim Chapin, Buddy Rich, Morris Goldenberg, Dom Famularo, Carmine Appice, G. L. Stone…), per chitarra (con la traduzione di testi di W. Leavitt, Tom Kolb, Nelson Faria, Frank Gambale, Peter Fischer…) e per pianoforte (con la traduzione di opere di Aaron, dei Dozen-a-Day, del The joy of the first year piano, i Tutto-in-Uno e Musica per piccoli Mozart della Alfred).

Parallelamente alle traduzioni le edizioni Volontè & Co. svolgono un interessante lavoro di ricerca e selezione di nuove pubblicazioni, con l’intento di valorizzare validi autori italiani offrendo al musicista pubblicazioni del tutto originali o in grado di colmare determinate lacune di mercato. Citiamo solo alcune di tali pubblicazioni, come il Violino Autodidatta di Angela Reitano, il primo libro dedicato a quanti desiderano avvicinarsi a questo meraviglioso strumento anche in un’età non più verde; la linea di alta specializzazione didattica per chitarra RGA del grande Donato Begotti; la linea didattica per vari strumenti curata da Ciro Fiorentino per le scuole medie a indirizzo musicale; Scale e Arpeggi ad una e quattro ottave di Elena Ballario espressamente dedicato a chi segue in Conservatorio il programma di Pianoforte Complementare; nella collana per autodidatti, i metodi per strumenti particolari come Banjo, Mandolino e Ukulele.

Anche nel campo delle monografie e delle raccolte la produzione è sempre stata guidata da scelte mirate, accurate e aggiornate. Fra le monografie, i grandi Fabrizio De André (l’unica opera completa e autorizzata dalla Fondazione De Andrè), Vasco, Ligabue, Laura Pausini, Ludovico Einaudi, Ennio Morricone; fra le raccolte più apprezzate dal pubblico da citare il particolare successo del Canzoniere Senza Barrè, dedicato ai principianti della chitarra e rimasto nella top dei più venduti in Italia per oltre 1 anno, e le collane Anthology in Pvg, e Primi Tasti per i principianti del pianoforte, a cura di Franco Concina.

Nell’ambito jazz, Volontè & Co. ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Jazzit Award per varie sue pubblicazioni. Nel 2010 per: Tecniche avanzate per il batterista moderno di Jim Chapin (traduzione di Ricky Turco), Jazz Composition di Ted Pease (traduzione di Roberto Spadoni) e Jazz Vocal Basics dell’autrice italiana Cinzia Spata. Nel 2011 per: Aebersold vol. 24 – Maggiore & Minore di J. Aebersold (traduzione di Alessandro Rubino) e Metafore per il Musicista di Randy Halberstadt (traduzione di Danilo Memoli). Nel 2012 per: Aebersold vol. 21 Gettin’ it together di J. Aebersold (traduzione di Alessandro Rubino), Inside Improvisations Series - Pentatonics vol.2 di Jerry Bergonzi (traduzione di Roberto Spadoni), Patterns For Jazz di J. Coker/J.Casale/G.Campbell/J.Greene (traduzione di Alessandro Rubino).

Per maggiori informazioni, si può consultare il sito dedicato: www.volonte-co.com

Questo sito utilizza i Cookie a fini di gestione tecnica e per integrare statistiche anonime, condivisione social e altre funzioni. Continuando con la navigazione l’utente accetta. [Cookie Policy estesa]